Tuttoscuola: Il Cantiere della didattica

Vita di un’insegnante di sostegno… a distanza: il Coronavirus ci ha tolto l’inclusione, ma non i suoi principi

#inclusionesenzafiato #credercièpossibile #coronavirus

Con l’emergenza Coronavirus torna il “Vita di un’insegnante di sostegno” che qualche tempo fa aveva trovato spazio e successo su Tuttoscuola.

Caro Diario,

prendi più o meno 50 anni di diritto scolastico, 50 anni di studi pedagogici, sociologici e didattici e soffocali; il Coronavirus all’inclusione – come alle altre vite spezzate – ha fatto questo: gli ha tolto il respiro. 

La sera che hanno chiuso la scuola io non ho dormito e non tanto per Francesco che ha un ritardo trascurabile e una famiglia collaborativa e combattiva, ma per Rachele che ha lo spettro autistico, per Gianluca che ha la certificazione ADHD e la scuola è l’unico luogo di socializzazione e per tutti gli alunni con bisogni educativi speciali che ho nella mia scuola. 

La referente inclusione al telefono mi ha detto: “Chiamiamo le famiglie e facciamo capire loro che ci siamo. Qualunque strada prenderà la didattica a distanza, prima di tutto affiancheremo loro”. 

Madre Terra!

Lo sai come sono. Solitamente sgretolo montagne con lo sguardo, mi carico macigni e lascio il solco sul terreno pur di avanzare, mi infuoco, mi infurio, scalcio, ma davanti a tutto questo io ho taciuto. In fondo che c’era da dire? Nell’art. 34, quella sera, abbiamo tutti letto “La scuola è chiusa per tutti…” e in una realtà in cui l’uguaglianza equivale all’isolamento, concetti come inclusione ed esclusione non esistono. 

In quel silenzio assordante e caos senza voce, Valentina mi ha chiamata: “Ciao Sara…io ho pensato di procedere così. Pensi possa andare bene per Francesco?” 

Il Coronavirus ci ha tolto l’inclusione, ma non ci ha tolto i suoi principi e io grazie a Valentina ho pensato che crederci è ancora possibile. 

Sara

Leggi i precedenti articoli di Vita di un’insegnante di sostegno:

Vita di un’insegnante di sostegno: al GLHO sola con i genitori. Non voglio gestire la rabbia
Vita di un’insegnante di sostegno: perché tutti devono poter andare a scuola
Vita di un’insegnante di sostegno: vietato lasciare il ragazzo ‘scoperto’
Vita di un’insegnante di sostegno, giornata internazionale dell’educazione. Quando va rivisto il concetto
Vita di un’insegnante di sostegno: oggi prova scritta del concorso DS. Cercate di farcela, poi lasciate la porta aperta
Vita di un’insegnante di sostegno: perché Rebecca viene guardata solo a metà?
Vita di un’insegnante di sostegno: cara collega, scendi dalla cattedra e chiedi ai bambini
Vita di un’insegnante di sostegno: come sarò tra 15 anni
Vita di un’insegnante di sostegno: gli educatori che si scandalizzano
Vita di un’insegnante di sostegno: quegli anni difficili ma efficaci
Vita di un’insegnante di sostegno: quel pietismo diseducativo
Vita di un’insegnante di sostegno: quando mi sento invisibile

Vita di un’insegnante di sostegno: quegli abbracci che servono
Vita di un’insegnante di sostegno: quello strano rapporto tra cultura ‘sorda’ e cultura ‘udente’
Vita di un’insegnante di sostegno: se passare da una lingua all’altra fa venire il mal di testa
Vita di un’insegnante di sostegno: lavorare in punta di piedi. Pancia in dentro, petto in fuori
Vita di un’insegnante di sostegno: quando vorrei che tutto andasse bene, ma so già che non sarà così
Vita di un’insegnante di sostegno: accettare la realtà vuol dire ‘farla facile’?
Vita di un’insegnante di sostegno: quei pensieri non detti durante gli scrutini
Vita di un’insegnante di sostegno: quando penso che qualcosa si deve fare
Vita di un’insegnante di sostegno: il Piano Educativo Personalizzato
Vita di un’insegnante di sostegno: Gabriella che sente con gli occhi
Vita di un’insegnante di sostegno: quell’ora di straordinario magica in cui mi siedo in cattedra
Vita di un’insegnante di sostegno: quanto è difficile lasciarli camminare da soli
Vita di un’insegnante di sostegno: siamo un nome senza prof
Vita di un’insegnante di sostegno: primo giorno di scuola, zaino in spalla si comincia
Vita di un’insegnante di sostegno: tutte quelle volte che mi mordo le labbra
Vita di un’insegnante di sostegno: stai lontana, ma non andare. Vi presento Luca

Forgot Password