Tuttoscuola: Genitori

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Fondo zero-sei, come è stato ripartito tra le Regioni

0 0

Fondo zero-sei, come è stato ripartito tra le Regioni

Il Fondo da 209 milioni di euro destinati al nuovo sistema integrato di istruzione da 0 a 6 anni previsto, per la prima volta, con la legge di riforma 107 del 2015, la cosiddetta Buona Scuola, è un fondo del tutto nuovo, il cui riparto è frutto di un accordo raggiunto la scorsa settimana in Conferenza Unificata, dove siedono i rappresentanti di Regioni ed Enti locali. Lo fa sapere il Miur attraverso un comunicato.

Per l’anno 2017, il Fondo è ripartito tra le Regioni:
– per il 40% in proporzione alla popolazione di età 0-6 anni, in base ai dati Istat;
– per il 50% in proporzione alla percentuale di iscritti ai servizi educativi al 31 dicembre 2015;
– per il 10% in proporzione alla popolazione di età 3-6 anni, non iscritta alla scuola dell’infanzia statale, in modo da garantire un accesso maggiore.

Fonti di stampa e politiche hanno lamentato difformità tra le prime tabelle inviate agli Enti locali e la tabella definitiva approvata il 2 novembre. Nessun errore o volontà di penalizzare un’area del Paese a discapito di un’altra. La procedura è la seguente: il decreto legislativo prevede che il riparto sia approvato previa intesa in sede di Conferenza Unificata, cioè d’accordo con le Regioni e gli Enti Locali stessi. All’intesa si giunge mediante lo scambio di ipotesi via via più raffinate. Quella del 2 ottobre era la prima ipotesi di lavoro preparata dal Ministero ancora prima che fosse avviato il confronto con le Regioni e i Comuni. Un’ipotesi che è stata successivamente modificata più volte su richiesta di questi ultimi, giungendo così al testo approvato. L’accordo raggiunto e la tabella definitiva che ne è scaturita nascono, quindi, dal confronto con le Regioni e gli Enti locali tutti, del Nord e del Sud. 

Per quanto riguarda i criteri di riparto, le voci utilizzate sono quelle previste dall’articolo 12, comma 4, del decreto legislativo 65 del 2017 che ha introdotto il nuovo sistema integrato 0-6 anni. Si è tenuto conto di “numero di iscritti”, “popolazione tra zero e sei anni”, con priorità per i Comuni “privi o carenti di scuole dell’infanzia statali”. 

I criteri attuati sono dunque quelli previsti dalla legge che è frutto di un ampio confronto parlamentare e che prevede anche l’accordo con le Regioni e i Comuni di tutto il Paese. Il Governo sta proseguendo l’azione di investimento nella scuola, nella convinzione che tutte le bambine e tutti i bambini abbiano diritto a un maggiore accesso ai servizi 0-6 anni. Al Nord come al Sud. 

«Il Sud è al centro dell’agenda politica di questo Governo – ha dichiarato la Ministra Valeria Fedeli – così come i diritti di ogni bambina e di ogni bambino. Il Fondo è stato ripartito dopo un intenso confronto e d’accordo con le Regioni e con gli Enti Locali. Nell’interesse delle piccole e dei piccoli di tutto il Paese. Attenzione a strumentalizzare misure che stanno costruendo nuovi scenari educativi a beneficio delle nuove generazioni». 

I 209 milioni per il sistema 0-6 anni costituiscono un primo riparto: il Fondo, a regime, ammonterà a 239 milioni. Sarà la stessa Conferenza Unificata, tenendo conto dei parametri di legge, a lavorare ad un diverso bilanciamento, nel caso in cui lo ritenesse opportuno. Tenendo sempre conto dei dati demografici che, in questo momento storico, vedono una maggiore presenza di bambine e bambini al Nord. A queste risorse vanno aggiunti, poi, i 150 milioni Inail già distribuiti per i Poli per l’infanzia: al Sud sono andati altri 49 milioni per la costruzione di nuove strutture.

 

Solo gli utenti registrati possono commentare!

Effettua il Login o Registrati


oppure accedi via

Contattaci
  • TuttoscuolaNEWS
    Notizie, commenti, indiscrezioni
    Ogni lunedì
    nella tua casella di posta
    Gratis.

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Altre su Genitori

Rappresentanti a scuola: corso online per genitori. Incontro web domani, 25 novembre

Organi collegiali della scuola: mi hanno eletto, che devo fare? A questa domanda, che affligge ogni anno migliaia di genitori, dà una serie di risposte l’incontro on line “Il ruolo dei genitori negli organi collegiali della scuola” organizzato dall’Associazione genitori A.Ge. Vitorchiano Aps in collaborazione con il Centro Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana. […]

Homeschooling, Erika Di Martino: ‘Ecco perché ho deciso di non mandare i miei figli a scuola’

Già prima dell’emergenza Covid19 esistevano, in Italia e nel mondo, bambini istruiti, ma descolarizzati, competenti, ma senza esperienza di aule, campanelle e lavagne. Alfabetizzati, ma senza LIM. Sono pochi ma in crescita (anche a causa del Coronavirus) e sono i figli dell’homeschooling. L’homeschooling è una realtà poco nota e scarsamente diffusa soprattutto in Italia, anche se […]

Forgot Password