7 scuole bellissime in cui ti piacerebbe insegnare

Tronchi al posto dei banchi, pozze d’acqua piovana in cui poter far immergere gli studenti, aeroplani in cui sedersi in cattedra e fare lezione. Follia? No, stiamo solo parlando di alcuni esempi straordinari di scuole che esistono nel mondo. Alcune sono davvero bizzarre, da altre potremmo persino trarre ispirazione. Vediamo quindi quali sono le 7 scuole più strane (e più belle) in cui tutti almeno una volta hanno sognato di fare lezione. Anche tu.

1. A scuola in un aeroplano

scuola-aereo

La creatività deve volare alla velocità della luce in questa scuola privata a Rustavi, in Georgia. Il preside Gari Chapidze ha preso un aereo Yakovlev Yak-42 nel 2012 e lo ha trasformato in una classe molto elegante in cui i suoi 20 bambini dell’asilo possono giocare e fare lezione. Lui è assolutamente convinto del fatto che i bambini dovrebbero essere incoraggiati a esplorare la loro curiosità, come fanno regolarmente i suoi studenti grazie ai 1.500 pulsanti ancora funzionanti a bordo del velivolo. A questo vantaggio aggiungiamo pure il fatto che i bambini sono seduti ai tavolini e sui sedili dell’aereo. Lato finestrino, naturalmente.

2. La scuola in bamboo nel cuore della giungla


scuola-bamboo2

La Scuola Verde a Bali è completamente immersa nella natura, costruita con materiali naturali e con un open space che incoraggia gli studenti a imparare seguendo i propri impulsi naturali. È strutturata su due edifici separati da un fiume e collegati da un ponte di bambù. La scuola utilizza ovviamente fonti di energia rinnovabile, ha un orto biologico che gli studenti coltivano, spazi di apprendimento comuni e alloggi per il personale. Inoltre, è davvero moderna oltre che bella da guardare.

3. Scuola 2.o, cuscini inclusi

scuola-danimarca

Non ci sono aule? Nessun problema per l’Ørestad Gymnasium, una scuola superiore in Danimarca. Invece di essere chiusi in classe, gli studenti apprendono in una delle quattro zone di studio. Il progetto li incoraggia ad assumersi la responsabilità della loro istruzione: le lezioni con l’insegnante  occupano solo il 50% della giornata scolastica, il resto del tempo i ragazzi imparano da soli ovunque vogliano all’interno della scuola, anche in accoglienti aree piene di cuscini. Ørestad è anche noto per essere completamente digitale: computer e iPad con Google Apps sono i materiali di apprendimento individuali.

4. La scuola disegnata da e per i bambini

scuola-bambini

Se puoi sognarlo, puoi realizzarlo, giusto? Questo è ciò che è stato detto ai bambini di Sangkhlaburi Village, in Thailandia, quando è stato chiesto loro di disegnare la scuola dei sogni. Uno di loro ha disegnato una nave volante che l’architetto giapponese Watanabe Kikuma ha tradotto nella progettazione di questa scuola per gli orfani. Ariosa in acciaio e erba, ha pure una struttura di bambù in cima che ora è una zona di apprendimento comune. Le cupole che la supportano sono sale di preghiera buddiste.

5. La scuola che diventa piscina

scuola-piscina

Cosa piace fare ai bambini piccoli, più di saltare nelle pozzanghere? Niente. È per questo che Dai-Ichi Yochien un asilo a Kumamoto, in Giappone, è stato progettato specificamente per raccogliere l’acqua piovana in modo che gli studenti possano avere un po’ di divertimento dopo una tempesta. Il cortile della scuola funge anche da campo per il softball nelle giornate asciutte, da piscina splashable nei giorni di pioggia e da pista di pattinaggio su ghiaccio nelle fredde giornate invernali. 

6. Una scuola – container

container-scuola

La scuola – container Vissershok a Città del Capo, in Sud Africa, è davvero fresca come sembra. Il container è stato riadattato in una scuola per bambini disagiati. Fuori i ragazzi hanno un campo da gioco in stile anfiteatro e un giardino verticale che ottimizza lo spazio limitato della scuola.

7. La scuola sull’albero

albero-scuola

Imparare tanto, giocare molto è la missione di Fuji Yochien, un asilo fuori Tokyo. La scuola circolare si struttura su due livelli collegati da scale, uno scivolo e persino un albero sul quale gli studenti possono salire e scendere. Non ci sono muri e questo permette un naturale flusso di suoni. I bambini sono incoraggiati a riorganizzare gli arredi una volta al mese. L’architetto che ha progettato la scuola, Takaharu Tezuka, ha detto in un discorso TED che la scuola è stata progettata per consentire ai bambini di essere bambini incoraggiandoli ad ascoltare i loro istinti.

E a te quale di queste scuole piace di più? Scrivilo in un commento!