Tuttoscuola: Il Cantiere della didattica

Sperimentare l’inclusione è un gioco da ragazzi!

di Orazio Branciforti

L’accettazione e l’inclusione dell’alunno con disabilità così come la valorizzazione della sua persona, richiedono la conoscenza di come e quanto le sue difficoltà possono incidere nel suo percorso di crescita.

 A volte “spiegar la lezione” non è sufficiente a dare agli alunni il giusto livello di sensibilità verso il problema: perché allora non indurli a “provare” la menomazione immedesimandosi nella disabilità?

L’attività laboratoriale della UA propone la simulazione di una condizione di non vedente: l’alunno bendato deve muoversi in palestra ed in vari ambienti stimolando altri canali sensoriali e stabilendo un rapporto di fiducia con il compagno-guida.

L’attività può essere proposta anche prima della classe terza non essendo richiesti particolari prerequisiti disciplinari. Per non rischiare di ridurre la proposta ai suoi aspetti ludici e motori, peraltro importanti, occorre che gli alunni siano in grado di riflettere sulle sensazioni provate e di condividerle, per giungere così ad una maggiore consapevolezza e capacità di assumere comportamenti maturi.

Se vuoi conoscere l’intera Unità di Apprendimento, clicca qui

 

Forgot Password