Sicurezza a scuola, troppi rischi: cosa prevede la legge

Le tipologie di rischi riscontrabili all’interno di una scuola di ogni ordine e grado non differiscono molto da quelle oggetto di una Valutazione di Rischi in un ambiente di lavoro in cui siano presenti molte persone contemporaneamente, anche se nella fattispecie si deve necessariamente considerare il fatto che la maggior parte degli alunni sono minorenni, spesso anche con le caratteristiche proprie dell’età adolescenziale e infantile e/o con ridotta capacità motoria o sensoriale. Ma cosa prevede la legge in materia di sicurezza a scuola?

Sicurezza a scuola: quali rischi

I principali rischi che si corrono in ambiente scolastico sono quelli infrastrutturali e relativi alla classificazione della scuola quale attività definita a rischio incendio, all’organizzazione e gestione delle emergenze, alla soggettività e valutazione del rischio Stress Lavoro Correlato, prevalenti rispetto a quelli connessi all’uso di videoterminali o a cadute accidentali; esistono poi rischi correlati alla presenza e all’utilizzo dei laboratori didattici, in alcuni istituti anche di carattere prettamente professionale, ambienti per i quali possono essere necessarie valutazioni specifiche per le componenti correlate al Rischio Chimico, piuttosto che a quello Biologico, a Vibrazioni o altro.

Sicurezza a scuola: cosa prevede la legge

Il D.lgs. 81/08 precisa che alla definizione di “Lavoratore” sono equiparati gli allievi degli Istituti di Istruzione e che nel campo di applicazione della normativa rientrano, a pieno titolo, anche le scuole (art. 3).

Articolo 3 – Campo di applicazione

1. Il presente Decreto Legislativo si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici e a tutte le tipologie di rischio.
2. Nei riguardi delle Forze Armate e di Polizia, del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, dei servizi di Protezione Civile, nonché nell’ambito delle strutture giudiziarie, penitenziarie, di quelle destinate per finalità istituzionali alle attività degli organi con compiti in materia di ordine e Sicurezza Pubblica, delle Università, degli Istituti di Istruzione universitaria, delle istituzioni dell’alta formazione artistica e coreutica, degli Istituti di Istruzione ed educazione di ogni ordine e grado […].

All’interno del contesto scolastico sono quindi riconducibili le seguenti figure di riferimento della normativa in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro:

– il Datore di Lavoro, che è identificabile con il dirigente scolastico sul quale ricadono gli obblighi di valutazione dei rischi e di nomina degli addetti;
i Preposti e gli Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione, identificabili con i docenti, quali figure deputate al controllo e alla vigilanza delle attività formative, nonché con gli altri lavoratori che, a vario titolo, collaborano alla sorveglianza e al mantenimento della sicurezza degli ambienti scolastici;
– l’RSPP – Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione il cui ruolo può essere ricoperto anche da un consulente esterno designato e nominato dal Dirigente Scolastico;
– l’RLS – Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, espressione dei lavoratori dell’Istituto e nominato all’interno del corpo docenti o tra gli altri dipendenti;
i Preposti e gli Addetti alle Squadre di Emergenza, individuati tra il personale docente, tecnico, amministrativo o ausiliario.

Gli alunni a loro volta possono svolgere un ruolo positivo all’interno del sistema sicurezza, condividendo procedure e iniziative.

A scuola di sicurezza: il progetto di Tuttoscuola e del Liceo Giulio Cesare

Le scuole sono considerate al pari di qualsiasi altro soggetto obbligato (aziende e altre attività) per ciò che riguarda l’applicazione degli adempimenti disciplinati e previsti dalle normative vigenti (D.lgs. 81/08, D.lgs. 106/2009, Accordi Conferenza Stato Regioni del 21/12/2011 e norme collegate).

La scuola però rappresenta, per la società in generale, quel luogo in cui bambini più o meno grandi di età crescono, si formano, si preparano al mondo del lavoro attraverso l’acquisizione di competenze specifiche. Grande è la necessità di potenziare l’attuale cultura della sicurezza, grande è pertanto l’esigenza di valorizzare questa tematica già durante il periodo scolastico così da permettere al lavoratore di domani di possedere quelle conoscenze e quella sensibilità necessaria che può fare la differenza così da consentirgli l’adozione di un comportamento sicuro rispetto a uno di minore affidabilità.

Ruolo fondamentale per questo tipo di formazione da realizzare con gli alunni/futuri lavoratori rivestono i docenti e il Dirigente dell’Istituzione Scolastica, i quali – debitamente formati – potranno svolgere le funzioni previste dalla norma e applicare le disposizioni e le misure stabilite dalla stessa, fungendo – prima di tutto – da esempio e poi, grazie alle conoscenze acquisite a seguito di mirati percorsi formativi, svolgendo essi stessi il ruolo di formatore anche in ambito sicurezza sui luoghi di lavoro.

Con lo scopo di creare conoscenza e sensibilità per la tematica della sicurezza tra tutti gli operatori dell’Istituto, a partire dal dirigente scolastico per continuare con i docenti e il personale tutto, nasce il progetto di Tuttoscuola, del Liceo Giulio Cesare e del Gruppo FM SrlA scuola di sicurezza: meglio preparati che spaventati“.

L’obiettivo del progetto è quello di innescare un percorso formativo combinato anche per gli alunni tra formazione/informazione diretta, erogata sia da professionisti esterni che dai docenti, in particolare per l’adozione delle procedure e delle buone prassi interne che li coinvolgano come soggetti proattivi. Il progetto si compone  di diversi moduli formativi articolati in sei livelli di approfondimento per corsi completi e di aggiornamento.

Da questo link è possibile conoscerlo dettagliatamente

Infine segnaliamo che il progetto  potrà essere ampliato e aperto alla realizzazione della formazione prevista in materia di sicurezza per le attività di Alternanza Scuola – Lavoro destinate agli studenti di terza quarta e quinta classe degli istituti di istruzione secondaria di secondo grado, con la creazione di uno specifico MODULO ALUNNI.

Ti vuoi iscrivere? Scarica la scheda adesione corsi

Chi fosse interessato a ricevere maggiori informazioni può scrivere all’indirizzo e-mail formazione.scuola@gruppogfm.com o telefonare al numero 0765/389849.