Scuola a rischio burnout: ecco quali possono essere i sintomi

Indecisione, irrequietezza, scarsa concentrazione. E poi ancora: pessimismo, ansia, irritabilità. Tutti questi possono essere chiari sintomi di burnout, lo stress da lavoro correlato che sempre più spesso colpisce insegnanti, presidi e, più in generale, il personale scolastico, dai DSGA al personale ATA.  I sintomi organizzativi rappresentano le manifestazioni di malessere e disagio (stress lavorativo) che i lavoratori possono sperimentare sul lavoro, espresse in diverse forme di “malfunzionamento” aziendale. Vediamo insieme come riconoscere i sintomi del burnout per agire in tempo e ricordiamo che Tuttoscuola, al tema del burnout e, più in generale, delle malattie professionali per chi lavora nel mondo della scuola, sta dedicando una serie di iniziative. La prima si è svolta lo scorso 12 giugno, con un webinar gratuito dal titolo: “Morire di scuola. Malattie professionali e rischi per la salute dei dirigenti scolastici”, mentre la seconda è in calendario per il prossimo 2 luglio, alle ore 17.00, con un nuovo webinar, anch’esso gratuito, dal titolo: “Come funziona il cervello umano in condizioni di stress” (iscrizione gratuita a questo link).

La rilevazione dei sintomi organizzativi del burnout viene realizzata facendo riferimento alla letteratura scientifica (Kasl, Cooper, Cox) nella quale si ritrovano elenchi contenenti i fattori di rischio stress ritenuti maggiormente oggettivi. Rilevare la presenza di tali sintomi di stress da lavoro correlato non significa, comunque, individuare eventuali fonti/fattori di stress, bensì individuare dei comportamenti che denotano la presenza di stress lavorativo tra i lavoratori. In altre parole prendiamo coscienza che lo stress è presente tra i lavoratori ma non sappiamo ancora se è provocato dal lavoro oppure dalla sfera privata, per saperlo dobbiamo verificare la presenta di possibili fonti o fattori di stress. I sintomi dello stress  possono essere raggruppati in diverse categorie:  organizzativi,  comportamentali, psicologici e fisici/psicosomatici.

Sintomi organizzativi dello stress

–    Assenteismo
–    Turn over
–    Conflittualità / Difficoltà relazionali
–    Bassa qualità nelle prestazioni
–    Infortuni /malattie professionali
–    Cambio mansione
–    Problemi disciplinari
–    Violenza e molestie di natura psicologica
–    Non conformità

Sintomi comportamentali dello stress

–    Indecisione e insicurezza
–    Irrequietezza
–    Impulsività crescente
–    Diffidenza o aumento della stessa
–    Capacità di giudizio ridotta ed aumento degli errori
–    Impazienza e suscettibilità
–    Voglia di isolarsi e/o non frequentare gli altri
–    Difficoltà crescenti nei rapporti interpersonali
–    Assuefazione all’alcool, al fumo e/o sostanze calmanti o stimolanti
–    Disturbi del comportamento alimentare: attacchi bulimici (episodi anoressici più raramente)

Sintomi psicologici dello stress

–    Concentrazione e attenzione ridotta
–    Memoria meno pronta
–    Nervosismo e irritabilità
–    Stato ansioso e apprensivo costante
–    Crisi d’identità
–    Crisi depressive, autocommiserazione, crisi di pianto
–    Tendenza a fantasticare
–    Autocritica esagerata
–    Pessimismo e cattivo umore

Sintomi fisici/psicosomatici dello stress

–    Disturbi dell’alimentazione (anoressia, bulimia)
–    Disturbi gastroenterici (ulcera e colite)
–    Disturbi cardiocircolatori (ipertensione, ischemia)
–    Disturbi respiratori (asma bronchiale)
–    Disturbi urogenitali (alterazioni mestruali, incontinenza)
–    Disturbi sessuali (impotenza)
–    Disturbi locomotori (dolori lombari, reumatismo psicogeno, cefalee da contrazione muscolare).
–    Disturbi dermatologici
–    Disturbi del sonno

È importante sottolineare che individuare la presenza di sintomi di stress lavoro correlato riportati nell’elenco non significa individuare fonti e fattori di stress presenti all’interno dell’organizzazione, bensì individuare dei comportamenti compatibili con stati di stress. Nel caso in cui non siano presenti fattori di stress, non possiamo parlare di stress lavorativo ma di stress probabilmente generato da situazioni extra lavoro.

Burnout e malattie professionali: ne parliamo a Tuttoscuola

Stress da lavoro nella scuola, burnout degli insegnanti, presidi e personale non docente, malessere psicofisico del vivere nell’ambiente scolastico e nelle difficoltà della rete di relazioni umane: Tuttoscuola ha voluto cogliere questo momento di particolare attenzione sulla mancanza di benessere a scuola, anche sul piano emotivo, proponendo specifici momenti di riflessione. Per saperne di più clicca qui.