Cosa fare se tuo figlio è un bullo? Piccolo vademecum per genitori

Il libro è uscito a gennaio 2018  ed è quanto mai d’attualità, viste le notizie degli ultimi tempi. La ragazza presa in giro perché non abbastanza magra che si è suicidata lanciandosi sotto un treno a Torino, gli adolescenti che ad Arezzo hanno aggredito un anziano col bastone facendolo cadere, gli studenti che in una scuola di Lucca sono arrivati a minacciare un professore ordinandogli di inginocchiarsi.

Una parola accomuna tutte queste vicende e mille altre simili: il bullismo. E proprio di questo si occupa “Quello che i ragazzi non dicono”, scritto da Nan Coosemans, formatrice e mamma di due adolescenti, che lavora da quasi vent’anni nel campo della crescita personale e nel 2010 ha fondato l’associazione Younite. Bullismo sì, ma visto da un’ottica diversa stavolta: non quella delle vittime, ma quella dei carnefici.

La domanda di fondo è semplice: cosa fare se si scopre che il proprio figlio è un bullo? L’autrice propone una sorta di decalogo, altrettanti strumenti a disposizione dei genitori per interpretare il disagio dei propri figli ed evitare che questo possa creare conseguenze drammatiche su di sé e sugli altri.

1. Ascoltare 

Non bisogna dare nulla per scontato, per cui è necessario ascoltare bene le parole del ragazzo. Si potrebbero scoprire prospettive ben diverse da quelle di un adulto. Non si parla ovviamente di giustificare atteggiamenti violenti, anzi, ma di comprenderne le cause. Responsabilizzare il proprio figlio facendone l’interlocutore per la soluzione di un problema che lo riguarda è importante.

2. Capire perché

Una volta comprese le cause,  bisogna cercare insieme le soluzioni. Spiegando che ci sono altri modi per sentirsi meglio senza prevaricare gli altri.

3. Confrontarsi con altri genitori

Come è strutturato il gruppo, la baby gang?  Anche gli amici hanno atteggiamento da bulli, il ragazzo è un gregario o è il capo?

4. Aggredisce per difendersi?

Ci sono stati cattivi esempi passati, esperienze negative? È stato vittima di bullismo a sua volta, per cui ora il ragazzo replica certi atteggiamenti da duro?

5. Spiegare le conseguenze

Il male che viene fatto può provocare effetti devastanti, come insegna la cronaca. E anche conseguenze scolastiche e penali di un certo rilievo. È bene spiegarlo chiaramente.

6. L’esempio

Difficile predicare bene e razzolare male. Se in casa, o fuori con i vicini, o magari nel traffico, ci sono atteggiamenti sbagliati dei genitori, è difficile chiedere al ragazzo di comportarsi in modo diverso. Un esame di coscienza serve sempre.

7. Nuovi obiettivi

Secondo l’autrice, nuovi stimoli possono aiutare. Distrarre dai comportamenti aggressivi può servire, magari inquadrando i risultati da raggiungere in un determinato campo.

8. I premi

Di conseguenza, il risultato raggiunto merita un premio. Servirà a stimolare nuovi miglioramenti.

9. Le scuse

La parola magica: scusa. L’umiliazione iniziale – ammettere di aver sbagliato – può generare la consapevolezza di aver compiuto un passo importante e difficile. Non è da tutti scusarsi, ma solo da persone davvero in gamba.

10. Il dialogo

Parlare con i figli, sempre e comunque, evitare chiusure punitive o ostentare la delusione in modo eccessivo. Perso il punto di riferimento della famiglia, i ragazzi rischiano di diventare irrecuperabili, o comunque di annaspare sempre più nella palude di comportamenti sbagliati in cui gli unici esempi sono quelli appresi nel “branco”: niente di peggio.