Punture di insetto: 10 consigli degli esperti per proteggere i bambini

Estate, vacanze, divertimento al mare o in montagna, momenti di relax che rischiano a volte di essere rovinati dalle punture di insetto, fastidiose se si tratta di zanzare, addirittura rischiose in caso di api, vespe e calabroni.  Il modo più semplice per proteggersi è quello di attivare delle barriere fisiche: zanzariere nelle zone infestate e indumenti che coprano il corpo. Ma non solo. Vediamo quindi i consigli degli esperti dell’ospedale Bambin Gesù

  1. Evitare indumenti molto colorati e brillanti; 
  2. indossare vestiti con maniche lunghe, pantaloni lunghi, calzini e scarpe chiuse, soprattutto se si effettuano passeggiate in campagna o comunque dove l’erba è alta;
  3. evitare profumi o lozioni forti; 
  4. utilizzare lozioni a base di sostanze ad azione repellente per gli insetti;
  5. disporre di insetticidi di pronto e facile impiego;
  6. non lasciare all’aperto cibi di scarto
  7. non sostare in vicinanza di bevande o cibi molto dolci;
  8. usare cautela quando si cucina o mangia all’aperto, specie nei mesi estivi ed in aperta campagna;
  9. usare cautela in vicinanza di luoghi che più frequentemente sono sede di nidi di api, vespe e calabroni come ad esempio in vicinanza di produttori di miele, in campagna nel periodo di maturazione della frutta o durante la vendemmia;
  10. far rimuovere da personale esperto nidi di api, vespe o calabroni in vicinanza della casa.