Al mare con i bambini: 10 regole per fare il bagno in sicurezza

L’estate, la spiaggia, il sole, il mare: un momento di gioia, soprattutto per i più piccoli, che scoprono il contatto con l’acqua e l’entusiasmo dei primi bagni. I pericoli però non mancano, se i genitori non si attrezzano adeguatamente, soprattutto da un punto di vista informativo. Basta tenere a mente alcune regole per un bagno sicuro quando si è al mare con i bambini. Su Educazione Acquatica, ecco il decalogo del buon genitore:

1. Educa i tuoi figli ad una buona acquaticità, dai primi bagnetti alla prima scoperta del mare.

2. Ricorda che ogni bambino ha i suoi tempi. Stimola la sua acquaticità rispettando i suoi tempi. La comunicazione, il gioco e la prudenza sono alla base di tutto.

3. Ricorda che la confidenza dell’acqua sul viso va raggiunta con gradualità: la corretta respirazione in acqua è il vero ABC.

4. Tieni sempre a vista i bambini nelle piscine, nei parchi acquatici e nei tratti di mare, anche se sono sorvegliati dai bagnini, hanno i braccioli o altri ausili per il galleggiamento!

5. Non togliere i braccioli o un bracciolo per vedere se stanno a galla, sgonfiali gradualmente.

6. In acqua con i tuoi bambini gioca, divertiti ma valuta sempre le tue e le sue capacità natatorie. Inoltre rispetta e fai rispettare i divieti di balneazione.

7. La maggior parte di laghi e dei fiumi non è balneabile. In acque torbide e prive di sorveglianza evitate la balneazione.

8. Ricordati che l’apnea è pericolosa anche in un metro d’acqua! Fai ammirare i fondali ai tuoi bambini, ma al primo bisogno di respirare digli di riemergere.

9. Attenti ai tuffi! Il fondo deve essere libero e la profondità adatta. Inoltre guardare e non toccare. Alcune specie possono essere pericolose!

10. In barca o sul gommone indossa e fai indossare il giubbetto salvagente ai bambini. E resta ad almeno 100 metri da una boa con bandierina: significa subacqueo in immersione.